25 novembre: Ancora tanta violenza sulle donne…e se cominciassero ad occuparsene gli uomini?

…..dedicato a Rebecca, la mia splendida nipotina,

a Violante, che deve ancora nascere,

a Viviana, che ci ha lasciato qualche giorno fa…e a tutte le donne del mondo..

il 25 Novembre sarà la giornata internazionale contro la violenza sulle donne. Da alcuni anni in tutto il mondo, attorno a questa scadenza si celebrano iniziative, si assumono impegni, si verificano risultati. Per fortuna da qualche anno lo fanno anche alcuni uomini.

Già. Il punto va sottolineato con forza: se saranno gli uomini a scendere in campo convintamente la violenza sulle donne potrebbe seriamente essere combattuta…a patto che non ce ne occupiamo solo una volta all’anno.

Purtroppo i dati sono ancora molto pesanti e le percentuali crescono…ovunque: nel mondo, in Italia, in Toscana e nella nostra Siena. Qualche volta sotto il burqua, dentro a conflitti religiosi o razzisti, qualche volta per la strada, ma nella maggior parte dei casi dentro le mura familiari, e talvolta anche dentro quelle colte e prestigiose.

Ancora oggi in Italia ogni tre giorni una donna continua a morire per violenza. E’ un dato spaventoso…ma purtroppo è reale. La violenza non si colloca solo nel degrado sociale…accade nelle case accanto alle nostre.

Ieri a Roma erano 50.000 le donne in piazza. Tante sono le iniziative in giro per il Paese e nelle nostre città. Ragazze, tante ragazze, donne che hanno vissuto il femminismo, donne comuni.

Ma la sfida è prima di tutto sociale, democratica, civile. Che Paese è un Paese in cui un genere continua a far subire violenza all’altro?

Vorrei che stavolta fossero tanti uomini a dire la loro e a dire: voglio un paese in cui la libertà femminile sia la mia libertà, voglio impegnarmi perché ci sia presto un 25 Novembre in cui a grandi lettere sia scritto solo un grande obiettivo per tutti noi: MAI PIU’ VIOLENZA SULLE DONNE, voglio farlo per mia madre, per mia figlia, per la mia compagna, per tutte voi…

Dite la vostra…

Be Sociable, Share!

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *