Contraffazione– Cenni (PD): “Mafia e camorra dietro una borsa contraffatta”

 

Cosa c’è dietro una cintura, una borsa, una maglietta, un orologio contraffatto? C’è sfruttamento, inquinamento, illegalità, violenza e anche terrorismo. È quanto emerge, dati alla mano, dalla relazione della Commissione sul fenomeno della contraffazione, che è stata discussa e presentata oggi in Aula da Susanna Cenni, parlamentare democratica e capogruppo Pd in commissione.

“Una relazione – ha spiegato la capogruppo Pd in commissione, Susanna Cenni – che ha analizzato il rapporto tra questo fenomeno, la sua filiera e la criminalità organizzata. Alcune delle tendenze in atto – la sua crescita esponenziale, un quadro normativo internazionale non omogeneo, una capacità dell’impresa di riorganizzarsi con flessibilità, un intreccio con lavoro nero e inquinamento ambientale – sono un humus straordinario per favorire l’intreccio tra contraffazione e varie forme di criminalità organizzata. E come ha confermato il ministro Orlando: “la scelta di talune associazioni criminali di tipo mafioso, soprattutto appartenenti ad alcune storiche famiglie criminali di camorra, di investire nel settore della contraffazione, costituisce un dato accertato in numerosi processi celebrati in territorio nazionale e internazionale ed è sostanzialmente dovuta al basso rischio penale a cui vanno incontro gli associati”.

Alcuni dati: secondo Ocse ed Euipo (ufficio per la proprietà intellettuale dell’unione europea) il 2,5% degli scambi mondiali è costituito da beni contraffatti, per un valore corrispondente a 338 mld di euro, una cifra che si avvicina al Pil dell’Austria. Le importazioni di merce contraffatta in Europa riguardano il 5% del totale delle importazioni per un valore pari a 85 miliardi di Euro. L’Italia, dopo gli USA è il Paese più interessato al fenomeno. Le merci contraffatte provengono per lo più da Cina, Hong Kong, seguono altri Paesi. E inoltre –  ha concluso Susanna Cenni – la contraffazione è anche sfruttamento dei lavoratori, danni alla salute, inquinamento ambientale e danno allo Stato per l’evasione fiscale e per il degrado di intere aree urbane”.

Guarda la web tv della Camera per vedere l’intervento di Susanna Cenni in Aula.

Be Sociable, Share!

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *