Agroalimentare, Cenni (Pd): “Il Ministro si attivi a tutela dell’olio e dei prodotti di qualità”

 “Paragonare e trattare allo stesso modo i prodotti simbolo del Made in Italy, come l’olio extra vergine d’oliva e il formaggio, a un pacchetto di sigarette è pericoloso per la salute dei consumatori e mette a rischio le sorti del nostro sistema produttivo di qualità che genera crescita economica e occupazionale. Insieme al gruppo del Pd abbiamo presentato un’interrogazione al Ministro Gian Marco Centinaio e al Governo per chiedere un impegno forte e concreto a tutela delle eccellenze del settore agroalimentare italiano”. Così Susanna Cenni, vicepresidente della commissione agricoltura della Camera ha commentato la proposta dell’Onu di introdurre una tassa sui prodotti alimentari, come l’olio e i formaggi, perché ritenuti pericolosi per la salute.

“Colpire in maniera indiscriminata e priva di fondamenta scientifiche prodotti come l’olio EVO e i formaggi, che sono alla base della dieta mediterranea, peraltro riconosciuta patrimonio immateriale dell’Umanità dall’Unesco – spiega Cenni – rischia di veicolare un messaggio sbagliato e allarmistico per la salute e di mettere in ginocchio il settore agroalimentare italiano che può contare su un primato storico all’estero con le esportazioni che nel 2017 hanno raggiunto i 41 miliardi di euro. L’atto di accusa nei confronti dell’olio extravergine d’oliva, per esempio, non tiene conto dei tanti studi scientifici che, uniti all’impegno di agricoltori e produttori, hanno permesso di affinare la qualità e di garantire un prodotto che ha un effetto benefico sulla nostra salute, avendo un’azione antiinfiammatoria e antitumorale oltre che essere attivo nella prevenzione e nella cura di patologie, come il diabete. Per quanto mi riguarda continueremo in commissione e in Parlamento a vigilare e a sollecitare il Ministro Centinaio che in questi giorni sembra più attento ai trattati che alla tutela del Made in Italy”.

Be Sociable, Share!

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *