#Ballottaggi. Uniti e con candidati e progetti forti si vince

Eppur si muove. I risultati delle elezioni amministrative sono ancora ‘caldi’ e ci sarà tempo e modo per entrare nel merito politico di questa tornata elettorale. Però il Pd e il centrosinistra ci sono e si muovono grazie alla forza di candidate, candidati e migliaia di militanti che per mesi si sono dati da fare sui territori. Ci sono state anche delle sonore batoste (Piombino e Cortona solo per rimanere in zona) ma chi aveva troppo presto suonato la marcia funebre al Pd deve ricredersi. Tanti italiani credono ancora nel PD e nel centrosinistra e credono che sia questa l’unica alternativa alla destra populista.

La Toscana si conferma, in questo quadro, come un argine proprio alla deriva populista di stampo Salviniano. Al di là del background ideologico, qui il problema è di incapacità di governo, come stanno dimostrando la banda gialloverde sia a Roma che in molti territori. E su questo gli italiani non abboccano e scelgono le persone serie, preparate, aperte al dialogo. Come Francesca Brogi, rieletta sindaco a Ponsacco dopo una campagna di attacco quotidiana da parte della Lega. Come Matteo Franconi e Simone Giglioli, eletti per la prima volta rispettivamente a Pontedera e a San Miniato. O come Alessandro Donati, che ‘restituisce’ Colle di Val d’Elsa al centrosinistra rilanciando Colle nel territorio valdelsano. Ho parlato dei sindaci del mio collegio elettorale, ma il discorso potrebbe essere declinato anche in altre realtà. Il combinato disposto tra centrosinistra unito, progetto concreto e candidato autorevole è vincente.

Be Sociable, Share!

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *