#Biologico: una giornata in campo e nei laboratori di “Aboca”

 

A inizio settimana sono tornata, dopo alcuni anni, in visita ad Aboca, un’azienda biologica di primo piano, che ha fatto della ricerca, dell’innovazione e della qualità i suoi pilastri per la crescita e lo sviluppo. Aboca dal 1978 investe nello studio delle piante medicinali per la salute dell’uomo. Una realtà dove lavorano più di 100 ricercatori, che ogni giorno collaborano e si confrontano con centri di ricerca sparsi in tutto il Paese. Insieme alle colleghe Rossella Muroni, Sara Cunial e Maria Grazia Mammuccini che aveva organizzato l’evento, abbiamo avuto la possibilità di visitare i laboratori, parlare con i responsabili, fare alcune visite alle colture in campo e ascoltare il Patron di Aboca, Valentino Mercati. La sua è un’azienda che continua ostinatamente a investire in ricerca e innovazione, continuando a mettere a punto tecniche colturali di eccellenza che consentono un controllo di qualità elevatissimo. Produzioni vegetali interamente ed esclusivamente biologiche nate nella primavera del 1978 dall’intuizione di Valentino Mercati. Oggi Aboca, per dirla con lui: “non è una semplice impresa, ma un progetto di vita, un pensiero, una visione precisa del mondo e della salute, sotto il segno del vero naturale”. Far conoscere i risultati economici e la mole di ricerca che esiste dietro alla nutraceutica e a esperienze come Aboca credo sia una delle risposte più adeguate a chi in questi mesi si è concentrato su polemiche strumentali.

Be Sociable, Share!

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *