#Caporalato, che fine ha fatto il protocollo?

Lo scorso luglio avevo presentato un’interrogazione ai Ministri del lavoro e delle politiche sociali, delle politiche agricole alimentari e forestali e dell’Interno per sapere se lalotta al caporalato rappresentasse una priorità per l’attuale Governo. Chiedevo anche di conoscere eventuali iniziative urgenti per rafforzare le normative vigenti, a partire dalla riattivazione del protocollo contro il caporalato e lo sfruttamento lavorativo in agricoltura. La risposta del Governo, che trovate a margine dell’interrogazione, mi ha soddisfatta solo in parte. È positivo che il tavolo sia stato inserito nel decreto fiscale, ma che fine ha fatto il Protocollo, stipulato per la prima volta il 27 maggio 2016, e scaduto il 31 dicembre 2017? Il Ministro Di Maio ha annunciato che avrebbe aumentato i controlli. Speriamo l’approccio del governo sia questo e non quello dei Ministri Salvini e Centinaio che avevano espresso la volontà di modificare la legge sul caporalato. C’è bisogno di più indagini, più controlli, più prevenzione. Altrimenti restano le chiacchiere e i buoni propositi, mentre nei campi, si continua a morire.

Be Sociable, Share!

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *