#DecretoEmergenze Agricole: “Finalmente una risposta per gli olivicoltori di Calci”

 

Un decreto confuso quello approvato dall’aula il 17 aprile (il decreto-legge 29 marzo 2019, n. 27) che doveva intervenire sulla crisi del latte ovino in Sardegna e sulla crisi olivicola pugliese, nel quale sono entrati tanti altri temi sino quasi a trasformarlo in un provvedimento omnibus. Risorse recuperate con un emendamento del relatore per interventi sul Salento (300 milioni in due anni), copertura per un solo anno per i lavoratori restati senza occupazione a causa della Xylella, niente per le gelate di Emilia Romagna, Piemonte e Lazio. Qualche timido passo in avanti sulla determinazione dei prezzi, qualche recupero, anche grazie ai nostri emendamenti sulle richieste delle Regioni. Il dato per i nostri territori più rilevante riguarda le risorse per gli olivicoltori colpiti dal l’incendio della montagna pisana. Infatti, nel corso dell’esame in Aula, è stato approvato l’emendamento, sottoscritto da tutte le forze politiche, che stanzia due milioni di euro a titolo di ristoro per la produzione perduta a favore degli olivicoltori colpiti dall’incendio del settembre 2018 nei comuni della Provincia di Pisa, Calci, Vicopisano e Buti. Nei giorni scorsi la commissione agricoltura ne aveva iniziato l’esame ma non chiuso sulla copertura del l’emendamento a mia firma, che chiedeva uno stanziamento di 5 milioni. Emendamento che ho puntualmente ripresentato in Aula. Al mio testo si sono aggiunti gli emendamenti anche della maggioranza con richiesta di due milioni. Cifra su cui si è raggiunta una intesa di tutte le forze politiche. È stata una lunga battaglia, iniziata con la missione della commissione agricoltura, poi proseguita con la risoluzione approvata all’unanimità in commissione. Finalmente, dopo gli interventi di Regione Toscana ed EELL, è arrivato un primo intervento finanziario anche dallo Stato che consentirà agli olivicoltori colpiti dagli incendi del settembre 2018 di avere un minimo di ristoro per la produzione perduta. Non tutto è risolto ma è un segnale dovuto a chi ha scelto di mantenere la sua attività in un territorio non semplice, garantendo un presidio ambientale fondamentale.

Clicca qui per vedere la dichiarazione di voto di Maria Chiara Gadda.

Be Sociable, Share!

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *