#DirezionePd: ricostruire dal basso

Una “mobilitazione straordinaria dal basso”, partendo dai circoli per ripartire “dal nostro popolo con serietà e umiltà”. Così il vicesegretario Maurizio Martina ha aperto la direzione del Pd. ‘La sconfitta del Pd alle elezioni del 4 marzo – ha detto sempre Martina nella sua introduzione – è stata netta e inequivocabile e riguarda tutti, ciascuno per la propria responsabilità. Non cerchiamo scorciatoie o capri espiatori. È necessario andare in profondità nell’analisi e nel confronto tra noi’. È stata una delle direzioni più lunghe e partecipate alla quale io abbia assistito.

Una discussione caratterizzata da molti interventi e dalla voglia di trovare, insieme, lo slancio per ripartire. Per quanto mi riguarda sono convinta che c’è veramente bisogno di confrontarsi e di analizzare in profondità questi anni. Dalla nascita del Pd, agli errori compiuti, ma non solo. Dobbiamo capire come e quando abbiamo perso la strada di quel progetto e interrogarci su come ricostruire un sentimento con il Paese. Quel sentimento che abbiamo cominciato a perdere anni fa e che non abbiamo ricostruito. Matteo Renzi si è dimesso ed è un atto di responsabilità importante, ma nessuno, e sottolineo nessuno, nel corso della direzione ha sostenuto che in questa sconfitta ci sia una responsabilità personale. Le responsabilità vengono da lontano e gli errori ci sono stati recentemente, ma non solo. Quando si sta in un partito si perde o si vince tutti. Insieme.

Adesso è arrivato il momento di rimboccarsi le maniche per ricostruire dal basso questo Partito. Nel corso della direzione ho sentito interventi belli e appassionati. Certo non ho condiviso, alcune cose mi hanno convinto, altre meno. Abbiamo approvato il documento conclusivo e dato mandato al vice segretario Maurizio Martina, reggente del Pd, di dare vita a un esecutivo unitario. Ad aprile avanti con l’assemblea nazionale. In seguito valuteremo il percorso che ci servirà per darci una nuova guida. Adesso non ci servono gazebo e nuove divisioni, nessun gioco di figurine, ma un grande lavoro. Dobbiamo tornare a immergerci nel cuore del Paese. Ovunque. Insieme. La sfida è di quelle da far tremare i polsi. Mettiamo da parte le tifoserie e riprendiamoci il cuore e l’anima del nostro partito.

Clicca qui per leggere una sintesi degli interventi in Direzione

Clicca qui per leggere la relazione di Maurizio Martina in Direzione

Be Sociable, Share!

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *