#InAula: approvata la Riforma della Giustizia

Dopo una lunghissima giornata di discussione in Aula, nella tarda serata del 3 agosto è arrivato il via libera al provvedimento, voluto dal governo Draghi e firmato dalla ministra Marta Cartabia, per riformare il processo penale. La cosiddetta “riforma della giustizia” è passata alla Camera con 396 sì, 57 no e 3 astenuti.

Per due volte è arrivata la fiducia (una per ognuno dei due articoli da cui è composta la legge) e la giornata in Aula è stata davvero lunga e complessa, tra assenze, astensioni dal voto, polemiche e anche qualche “show” francamente poco adatto al rispetto istituzionale di quel luogo. Ora il testo passa al Senato.

Era urgente intervenire sulla giustizia. Non solo perchè da un pacchetto di riforme dipende il futuro del PNRR. Era urgente uscire da un dibattito che nel nostro Paese ha sempre avuto toni eccessivi, da un lato il populismo giudiziario, dall’altro il garantismo a corrente alterna. Il Pd ha lavorato con serietà sfuggendo a semplificazioni poco utili, insisendo per superare estremismi e rigidità, chiedendo i tempi per gli adeguamenti degli uffici giudiziari, con personale e digitalizzazione. Abbiamo ascoltato osservazioni e critiche, messo in sicurezza i processi per i reati ambientali, quelli per violenza sessuale, per mafie. La riforma è un passo importante che si completerà e attuerà concretamente con l’attuazione delle deleghe.
Nessuno vuol parlare di riforma “epocale”, parola tanto abusata negli anni. È piu serio dire che abbiamo compiuto un passo serio e civile.

CLICCA QUI per gli approfondimenti

Be Sociable, Share!

    One thought on “#InAula: approvata la Riforma della Giustizia

    1. Right here is the perfect webpage for anybody who wants to understand this topic.
      You understand so much its almost tough to argue with
      you (not that I actually would want to?HaHa).

      You definitely put a fresh spin on a subject which has been written about for a long time.

      Wonderful stuff, just wonderful!

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *