#InAula: crediti deteriorati e credito alle famiglie, in aula approvata mozione

È stata presentata questa settimana in Aula una mozione della maggioranza, frutto della composizione di più mozioni, compresa quella del Partito Democratico a prima firma Boccia, in materia di inadempienza bancaria e crediti deteriorati. Il 1 gennaio 2021, infatti, sono entrate in vigore le nuove norme dettate dall’Eba – European banking Authority (Autorità bancaria europea) che introducono soglie più restrittive ed accentuano la prociclicità, accrescendo i crediti deteriorati.

Le esposizioni verso una banca o un intermediario finanziario sono classificate come deteriorate se il debitore è in arretrato da oltre 90 giorni consecutivi e l’obbligazione è considerata rilevante, cioè abbia superato una prefissata soglia di materialità; dal 1 gennaio 2021 tale soglia è diventata, per l’appunto, più stringente, comportando una nuova nozione di default o «credito deteriorato» che individua lo stato di inadempienza di un cliente verso la banca. Indubbiamente l’entrata in vigore della nuova disciplina è coincisa con un periodo di incertezza economica legata alla pandemia da COVID-19 e per questo si rilevano criticità che vanno affrontate, per evitare una restrizione dell’offerta di credito che sarebbe deleteria nel contesto attuale e avrebbe notevole impatto sulle famiglie e sulle imprese. Sarebbe auspicabile, pertanto, un intervento per modificare e adattare temporalmente la normativa così da garantire il massimo supporto all’economia reale e la tenuta del tessuto produttivo. Per questo motivo, nella mozione si chiede al Governo di adottare iniziative volte a sostenere l’incremento di offerta di credito a beneficio di famiglie, imprese e partite Iva nel 2021 rispetto al 2020, di promuovere l’attuazione di politiche a livello comunitario che concorrano al progressivo riassorbimento dei debiti determinati dalla pandemia e di adottare iniziative per continuare ad assicurare liquidità alle imprese.

CLICCA QUI per leggere il testo

CLICCA QUI per vedere la dichiarazione di voto di Francesco Boccia

 

Be Sociable, Share!

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *