#IncendioPisa, ripristinare con l’impegno di tutti

 

Le foto sono spaventose. È il Monte Serra, sono gli oliveti antichi che garantivano buon olio e paesaggio e poi gli animali, le colture, i piccoli paesi, la Certosa di Calci, unica nel suo originalissimo stile.

Il pisano percorso dal fuoco, dall’atto criminale di chi ha appiccato uno o più incendi attendendo il modo migliore per creare distruzione. Ed è solo grazie al lavoro incredibile dei vigili del fuoco, della Protezione Civile, dei corpi civili e militari, dei tanti volontari, dei sindaci e della Regione che sono intervenuti se non si registrano vittime umane.

Prima il fuoco da arrestare, gli sgombri, gli aiuti, poi la ricostruzione. Di questo si tratterà: di uno sforzo per ridare a quella terra lavorata da uomini e donne il suo volto. Sarà durissima, ma credo che a ognuno di noi, con qualunque incarico istituzionale, spetti la massima vicinanza e il massimo impegno per non lasciare sole quelle comunità.

Ai maledetti che hanno generato questa distruzione auguro di pagare il massimo.

Be Sociable, Share!

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *