#MPS: il Governo convochi i sindacati e le istituzioni locali

Il futuro del Monte dei Paschi si sta scrivendo in queste settimane, ma non lo si può fare senza prendere in considerazione tutte le parti coinvolte, in primis i lavoratori e le rappresentanze del territorio. La scorsa settimana i lavoratori e le lavoratrici di Mps hanno scioperato e la loro mobilitazione è stata accompagnata da una lettera molto forte: credo – e insieme a me tutti i parlamentari PD eletti in Toscana – che la loro legittima richiesta di essere convocati ed ascoltati dal Governo, e di non pagare il costo della crisi, sia giusta e che vada sostenuta.

Come Partito Democratico, abbiamo sempre posto la salvaguardia dell’occupazione, assieme alla tutela del marchio e della integrità dell’istituto, tra i punti per noi irrinunciabili in questa delicata fase di confronto con UniCredit. Lo abbiamo chiesto al ministro Franco durante la sua audizione e lo ha ribadito Enrico Letta, impegnato su questi punti. Queste stesse priorità sono quelle individuate da un documento unitario firmato all’unanimità dal Consiglio comunale di Siena pochi giorni fa: finalmente una voce unitaria si leva dalla città e chiede a gran voce che le istituzioni locali siano interpellate, prima che la trattativa sul dossier Mps si chiuda definitivamente. Condivisione e ascolto sono sempre necessari e lo sono ancora di più in questo momento, per costruire al meglio il futuro del Monte.

CLICCA QUI PER LEGGERE L’APPELLO DEI DEPUTATI TOSCANI

CLICCA QUI PER LEGGERE LA MIA DICHIARAZIONE SUL CONSIGLIO COMUNALE DI SIENA

 

Be Sociable, Share!

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *