PD: NUOVA INTERROGAZIONE PARLAMENTARE SUL CASO WHIRLPOOL

Verrà presentata una nuova interrogazione parlamentare sullo stabilimento di Siena della Whirlpool. E’ quanto è emerso dall’incontro odierno tenuto presso la sede del PD senese a cui hanno preso parte i rappresentanti della RSU e le sigle sindacali Fim, Fiom, Uil e Cobas dei lavoratori della Whirlpool, i parlamentari eletti a Siena Susanna Cenni e Pier Carlo Padoan, i consiglieri regionali Simone Bezzini e Stefano Scaramelli, i consiglieri comunali Alessandro Masi e Luca Micheli e i rappresentanti del partito dell’Unione provinciale e comunale.

Verrà sollecitato il Governo affinché richiami l’azienda a mantenere gli impegni sottoscritti, compresi quelli assunti per i lavoratori per lo stabilimento di Siena, che, ad oggi, non risultano messi in atto.

I parlamentari del PD Cenni e Padoan si rapporteranno con i colleghi che già seguono la vertenza nazionale per rendere efficace, con gli altri esponenti parlamentari nazionali e territoriali delle altre sedi, la risoluzione della vertenza nazionale e locale, fin dall’incontro di mercoledì prossimo con il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte e il Ministro dello Sviluppo Economico Stefano Patuanelli al fine di assumere impegni precisi per il Gruppo Whirlpool e lo stabilimento di Siena.

I consiglieri regionali chiedono che la Regione sia presente ai tavoli per l’importanza che lo stabilimento di Siena ha per il nostro territorio; tutta la struttura e la Giunta continueranno a seguire con molta attenzione la vertenza.

I consiglieri comunali Masi e Micheli confidano, a nome del Gruppo, in un’attenzione seria del Governo per la salvaguardia dell’occupazione.

La preoccupazione è che si possa estendere la politica di dismissione effettuata su Napoli anche agli altri punti produttivi e quindi allo stabilimento di Siena. Prova ne è che gli investimenti annunciati e presenti nell’accordo su Siena sono stati disattesi. I rappresentanti dei lavoratori hanno evidenziato che, a livello locale, la loro preoccupazione è che lo stabilimento di Siena lavora a orario ridotto e non sta rispettando quanto concordato. Quando lo stabilimento non lavora la preoccupazione è elevata. Lo stabilimento aveva prima una forza produttiva di 1550 elementi e adesso è ridotta a 350 lavoratori attivi soltanto quattro ore a giorni alterni con il salario ridotto, usufruendo degli ammortizzatori sociali. La sensazione è che lo stabilimento si stia prosciugando. C’è la fuoriuscita di professionalità da Whirlpool verso altre aziende.

Il Partito Democratico locale seguirà con molta attenzione l’evolversi della situazione ed esprime la piena solidarietà ai lavoratori attivandosi in ogni sede opportuna, raccordandosi con tutte le istituzioni interessate al fine di trovare una risoluzione positiva della vertenza.

Partito Democratico Unione Comunale senese e Coordinamento Provinciale.

Be Sociable, Share!

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *