#Pd: verso il congresso straordinario

“Al Partito democratico serve un congresso politico straordinario, un atto politico forte. Non sui nomi ma sulle idee, chiamando l’Italia intera a confrontarsi e discutere sul futuro. Facciamo 10mila assemblee, almeno uno per ogni comune. Un congresso aperto a tutti per ricostruire l’Italia“.  È questo, in sintesi, il messaggio lanciato dal segretario Nicola Zingaretti nel corso del suo intervento all’ultima direzione nazionale del Pd. “Ci serve un partito plurale, ricco di aree di pensiero, solidale, che dà valore e dignità agli iscritti, che li renda protagonisti dei processi decisionali – ha sempre detto il segretario – Il Pd deve avere una vocazione maggioritaria e indicare una direzione, senza avere una tendenza onnivora, cannibalizzando gli altri. Per questo non dobbiamo avere paura di un congresso politico straordinario, non è una fuga dall’agenda quotidiana ma un atto politico. Non sui nomi ma sulle idee, chiamando l’Italia intera a confrontarsi e discutere sul futuro. Serve una nuova segreteria unitaria e serve un nuovo gruppo dirigente”.

Il percorso è tracciato e il prossimo appuntamento è fissato per sabato 22 febbraio, quando tornerà a riunirsi l’assemblea nazionale.

Clicca qui per leggere le parole del segretario Nicola Zingaretti.

Clicca qui per leggere il ‘Piano strategico per l’Italia’ del Pd.

Be Sociable, Share!

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *