STUPRO…ITALIA CHE VUOI FARE?

C’è qualcosa di profondo, e non spiegabile con le parole, che una donna prova di fronte ai fatti di violenza.

E’ un sentire profondo fatto di testa, di corpo e di anima. E’ l’insieme di tutto ciò che si ribella, che ritiene la violenza un reato intollerabile per un Paese civile, qualcosa che mina in profondo la convivenza, l’essere uomini e donne.

Di violenza, di stupro, si parla ad ondate, si fa demagogia magari parlandone solo in relazione all’immigrazione, si sventola e strumentalizza a seconda dell’uso…ma la realtà è che nella nostra civilissima Italia solo dal 1996 la violenza sessuale è  un reato contro la persona, sino a quel momento era ancora un reato contro la pubblica morale…e tutte le norme per appesantire le pene, per dar vita, forza e risorse ai centri antiviolenza, a quel tessuto di aiuto e accoglienza, di volontariato che in Italia le donne hanno costruito, per rendere più sicure le città, per formare al meglio le forze dell’ordine…sono ferme, bloccate dalla contrarietà del centro destra.. (voglio ricordare che tra i tagli del provvedimento sull’ici c’erano anche 20 milioni di euro che il precedente Governo Prodi aveva stanziato per i progetti delle città contro la violenza).

Ieri al giovane 22enne che a Roma aveva stuprato una ragazza sono stati dati gli arresti domiciliari…”buona condotta…ha collaborato, era sotto l’influenza dell’alcool…., buona famiglia…”. Immagino che se fosse stato il classico Rumeno non sarebbe stato questo il comportamento adottato.

Vorrei che non ci fosse mai più dubbio alcuno sulla gravità e sulla diffusione della violenza sulle donne, ovunque, anche nelle case delle nostre realtà locali.

Vorrei che la politica drizzasse la schiena , desse al tema assoluta priorità e si approvassero le proposte del Pd di revisione delle norme contro la violenza.

Vorrei che gli uomini della sinistra e di questo Paese avessero uno scatto, e non ci facessero ancora una volta sentire sole di fronte al reato più abominevole verso le donne.

Consiglio a voi tutti e voi tutte di andare su Youtube e cliccare sul video Stupro di Franca Rame…per non dimenticare e non rinviare a data da determinare il tema….

Susanna

ADERISCI ALL’APPELLO DEL PARTITO DEMOCRATICO CONTRO LA VIOLENZA SULLE DONNE

Scarica il video di Franca Rame che recita “Stupro”

Be Sociable, Share!

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *